SCIA - Segnalazione certificata inizio attività

Che cos'è

La SCIA - Segnalazione certificata di inizio o modifica dell'attività– è un'autocertificazione che consente di iniziare, modificare o cessare un'attività produttiva (artigianale, commerciale, industriale).

N.B. In questa pagina trovate una sintesi della legge regionale con alcune indicazioni di massima, per dubbi approfondimenti o consigli contattate l'ufficio Commercio.

La modulistica

La SCIA deve essere presentata utilizzando esclusivamente i moduli regionali, identici per tutta la Lombardia. Sarica i moduli da questa pagina, nella colonna di destra. 
Leggi qui sotto quale modulo devi presentare a seconda di quello che devi fare.

Modello A
Si usa per l'inizio di una nuova attività o per la modifica di un'attività esistente: trasferimento di sede, modifiche dei locali, degli impianti, della merceologia e del processo produttivo.

Modello B
Si usa per il subingresso, il cambio della ragione sociale (senza modifiche strutturali dell'attività), la sospensione, la ripresa e la cessazione dell'attività.

Schede aggiuntive
Sono da compilare e presentare insieme al modello A o B a seconda della tipologia di attività:

Scheda 1: per le attività di vendita ex art. 7 D.Lgs. 114/98, somministrazione ex art. 8 comma 4 L.R. 30/03 e forme speciali di vendita

Scheda 2: requisiti morali e professionali per le attività di vendita e somministrazione di alimenti e bevande

Scheda 3: per le attività di servizi alla persona

Scheda 4: per le attività di produzione

Scheda 5: per la compatibilità ambientale, nei casi in cui l'attività presenti caratteristiche di rilevanza ambientale, indipendentemente dalla tipologia e dalla dimensione

Comunicazione per i distributori automatici

 

Altri documenti da allegare:

Copia del documento d'identità del dichiarante

Planimetria dei locali (solo per il modello A) in scala non inferiore 1:100

Relazione tecnica (solo per il modello A nel caso delle attività produttive)
Non è sempre prevista, dipende dal tipo di attività svolta. Per approfondire vi consigliamo di contattare l'ufficio Commercio.

Importante

La SCIA deve fornire le informazioni necessarie a descrivere compiutamente l'attività, è importante quindi prestare particolare attenzione alla compilazione corretta e integrale dei campi dei moduli. La compilazione inesatta o parziale rende la dichiarazione irregolare e non ricevibile da parte degli uffici.Bisogna presentare una dichiarazione diversa per ogni tipologia di attività economica attivata.La SCIA deve essere presentata prima dell'inizio, della modifica o cessazione dell'attività. La presentazione della dichiarazione completa è un requisito indispensabile per intraprendere con decorrenza immediata l'esercizio dell'attività.La SCIA deve essere firmata dal titolare dell'attività economica in caso di impresa individuale, oppure dal legale rappresentante in caso di società.Le responsabilità legali sono a carico del dichiarante. Le dichiarazioni false comportano la denuncia all'autorità giudiziaria,  con possibili conseguenze penali a carico del dichiarante. Lo svolgimento dell'attività in maniera difforme da quanto dichiarato comporta l'adozione di provvedimenti sanzionatori (sanzioni pecuniarie e, nei casi più gravi, la chiusura dell'attività).

Chi deve presentarla

Devono presentare la SCIA tutte le imprese di Ornago che vogliono iniziare, modificare o cessare l'attività:

attività artigianali in genere, compresi i laboratori di produzione, di trasformazione e/o   confezionamento con/senza attività di vendita diretta al consumatore finaleattività di acconciatore, estetista, esecutore di tatuaggi o piercing e similari attività di agriturismocommercio all'ingrosso in campo alimentaretrasporto di prodotti alimentaricommercio all'ingrosso di prodotti agricoli e zootecnici, mangimi, prodotti di origine minerale e chimicoindustriali destinati all'alimentazione animalecommercio all'ingrosso di additivi e premiscele destinate all'alimentazione animaleristorazione collettiva-assistenziale (mense)commercio al dettaglio in sede fissacommercio al dettaglio svolto tramite forme speciali (internet, corrispondenza, distributori automatici etc.)commercio al dettaglio su aree pubbliche in campo alimentarecommercio al dettaglio di prodotti agricoli e zootecnici, mangimi, prodotti di origine minerale e chimico industriali destinate all'alimentazione animalecommercio al dettaglio di additivi e premiscele destinate all'alimentazione animaledistributori di carburantesomministrazione di alimenti  e bevande  (bar , ristoranti  e circoli privati)   bar e ristorazione – circoli privatibed and breakfastnuova apertura di attività ricettiva alberghierasomministrazione di alimenti e bevandestabilimenti industrialivendita funghi epigei freschisomministrazione di alimenti e bevande svolta in occasione  di manifestazioni  temporanee o nell'ambito di altre attività quali impianti sportivi, cinema, teatri, museiattività che, pur con meno di 3 dipendenti,  siano però:
1. attività produttive precedentemente soggette a NOEA, ovvero tutte le industrie insalubri di cui  agli elenchi riportati nel D.M. Sanità  del 05/09/1994 "Elenco delle industrie insalubri di cui all'art.216 del testo unico delle leggi sanitarie"
2. attività di deposito/movimentazione merci e automezzi diversi dai depositi di cui al punto 6. dell'allegato 3C della DGR n. 6/43036 del 14/05/99.3) Depositi mezzi adibiti al trasporto collettivo passeggeri.

N.B. Alcune di queste imprese per aprire l'attività, oltre alla SCIA, devono presentare anche la Domanda di autorizzazione in bollo: si tratta di tutti quei casi in cui la normativa prevede che l'attività economica sia ancora soggetta all'autorizzazione comunale. In questi casi occorre: prima richiedere ed ottenere l'autorizzazione del comune, successivamente, all'effettivo inizio dell'attività, presentare la SCIA per dichiarare che sussistono i requisiti igienico-sanitari. Ecco quali sono:

distributori di carburantebar e ristorazione – circoli privatibed and breakfastcommercio su area pubblicanuova apertura di attività ricettiva alberghierasomministrazione di alimenti e bevande

Quale modello presentare?
Leggi in base al tipo di attività e alla tua esigenza, quali moduli e schede devi presentare.

Chi non deve presentarla

Non devono presentare la SCIA i piccoli laboratori artigianali che impiegano fino a 3 addetti per attività, che lavorano presso il proprio domicilio, e che:

non producano, con impianti o macchine, emissioni in atmosfera ai sensi del  D. Lgs. N. 152/2006;non abbiano scarichi idrici di tipo produttivo;non producano rifiuti speciali pericolosi;non abbiano un significativo impatto rumoroso con l'ambiente.

Per esempio, possono rientrare in questi casi l'elettricista, il riparatore TV, il calzolaio, il sarto e simili.